Capre da latte

L’azienda Saint Philippe de la Providence, sita nel villaggio Telokoué nel comune di Kpomassè, a Sud Ovest del Benin nel 2005 ha iniziato, grazie all’intraprendenza e alla passione di una missionaria agostiniana, Suor sabine Marie Glele, l’allevamento di capre da latte, di razza camosciata delle Alpi (introdotte dell’associazione francese Elevage sans frontiere) destinato alla produzione di formaggio, con l’obiettivo di ridurre il deficit proteico infantile nell’ambito di un orfanotrofio (Centre les arcanges) che accoglie bambini gravemente disabili che purtroppo vengono totalmente abbandonati dalle famiglie.

La principale fonte di sostentamento del centro deriva dalla produzione di latte caprino e la trasformazione in formaggio. Nell’ambito dell’azienda agricola sono state evidenziate alcune criticità che mettono in pericolo la sopravvivenza di questa importante realtà agricola, quali l’elevato tasso di consanguineità che si registra nell’ambito della popolazione allevata, responsabile di un calo della fertilità ed aumento della mortalità neonatale, e l’inadeguata superficie coltivabile disponibile.

Lo scopo del progetto proposto è di rinsanguare la popolazione presente mediante l’introduzione di nuovi becchi e/o di seme di capra camosciata delle alpi da utilizzare mediante fecondazioni artificiali, organizzare contestualmente corsi di formazione del personale locale ed acquistare terreno da destinare alla coltivazione di foraggi in modo da migliorare le condizioni di alimentazione delle capre e, conseguentemente, le produzioni di latte.