RESOCONTO MISSIONE 22ESIMA

Microdonazioni per le donne del villaggio di Krakè in Benin
5 giugno 2017
  • L.,inferma – Esperiti numero 3 accessi (14, 16 e 21 ottobre) – verificate condizioni di buona risposta alla terapia per la miastenia, – acclarata ferma volontà di cura in Italia ,predisposta ogni cosa per la cura a Napoli.
  • Centro di maternità di Ganvie – inaugurazione il 13 pomeriggio – rappresentati il Console del Bénin a Napoli,dott. Giuseppe Gambardella, e le Associazioni finanziatrici. Konou era rappresentata dal Presidente.
  • Incontro con il Pere G Gervais, vice provinciale dei Camilliani per Bénin e Togo. Il primo argomento ha riguardato il rientro in Bénin dei due Camilliani il cui stage biennale in Italia finalizzato al diploma di ottico è stato finanziato dalla Sezione di Crotone presieduta da Franceschina Fauci. Messo a bordo l’impegno del rientro di uno dei 2 camilliani ,Pere Ferdinand per maggio che resterà a Zinvie per 2 anni, essendo poi sostituito da pere Laurent per altri 2 anni ed alla fine entrambi saranno a Zinvie. Il prolungamento delle loro assenze è legato alla frequenza di un master biennale sempre nello stesso campo. Il secondo punto dell’incontro con il vice provinciale è stato l’esame della sua richiesta di addivenire ad un protocollo d’accordo tra l’Università Federico II, la vice provincia Benin/Togo per quanto riguarda la formazione di infermieri ed infermiere in quei paesi.
  • Julia e P Christian – Verificato l’eccellente funzionamento.Il dato nupovo è che tutti i posti letto sia dell’ospedale che della Maison des Enfants sono protetti da zanzariere. Sono state fornite sedioline e tavolini per bambini che non stanno in piedi.
  • Alida – donna trentunenne con zoppia grave e dolore intrattabile per necrosi della testa del femore ed artrite della cavità acetabolare è stata riferita a S. Julia, sarà valutata ed eventualmente operata nei prossimi mesi dall’equipe franco-spagnola che andrà a Gbemontin
  • Scuola Yevie’ – Il 18/10/2017 si è tenuto un incontro finale presso la scuola di Yevie alla presenza di Dominique e i 3 rappresentanti della NevSAD e si è concordato quanto segue:
  • Si terrà un incontro con il rappresentante dei genitori degli alunni per metterli al corrente del sostegno e spiegare loro che la refezione sarà destinata a 100 bambini
  • Si costituirà un comitato composto di 5 membri: il coordinatore dei progetti scuola della NevSad (nostro partner in loco) , il rappresentante dei genitori, i 2 direttori della scuola e Dominique). Il comitato avrà il compito di  gestire gli acquisti degli alimenti, verificarne la qualità, il sito di stoccaggio ecc
  • La ONG NeVSAD metterà sul proprio sito un bando d’offerta per identificare la società che fornirà gli alimenti. Il comitato valuterà le offerte e sceglierà la società cui affidare il lavoro. La società che si aggiudica la gara provvederà all’acquisto degli alimenti e alla consegna mentre il comitato ne valuterà quantità e qualità. Si acquisteranno le scorte di mais, riso ecc nel periodo in cui il costo é inferiore e si stoccheranno presso un sito individuato  presso l’Hopital la Croix. L’acquisto delle proteine animali (carne e uova) sarà invece effettuato sempre dalla società di volta in volta secondo le necessità. La società presenterà le fatture a NevSDAd che invierà una copia a Konou.
  • Sarà reclutata una cuoca abile al lavoro (tessera sanitaria) e dovrà conoscere le condizioni di igiene. La cuoca sarà fornita di grembiule, foulard e mascherina.
  • Per quanto riguarda l’acqua si paga il pregresso e i consumi mensili e si conservano le fatture
  • Per quanto riguarda i lavori si è deciso che inizieranno al termine dell’anno scolastico (si prevede di impiegare 2 settimane). Si costituirà un altro comitato ad hoc formato da 5 membri: 2 rappresentanti della NevSAD, Dominique, e i 2 direttori. La scelta dell’ingegnere direttore dei lavori deve essere fatta consensualmente e ci deve essere pieno accordo.
  • Rotary – Nel pomeriggio del 18 il dott Stanislas Hacheme past president del clud di Abomey Calavi e assistente del governatore, accompagnato da altro socio rotariano, ha avuto un lungo e fruttuoso incontro con il Presidente e la professoressa Bianca Gasparrini per progetti futuri.
  • Scuola Parakou – Tavolo di lavoro proficuo con padre Marius e gli ingegneri prescelti – ribadito che il padre Marius è  il responsabile del progetto e che sarà lui a dirci il quantum della prima trance. Gli ingegneri hanno – forse ottimisticamente – ipotizzato tempi rapidi che potrebbero veder conclusi i lavori in 6 mesi
  • Il 17 ottobre si è tenuto un incontro con il prof Marcel Houinato all’Università nell’ambito del quale sono state discusse eventuali altre collaborazioni. L’occasione è stata propizia per riscuotere le seconde rate dei due progetti di microliberalità sull’allevamento suino (Mathurin Kossouho 90720 CFA equivalenti a 139,57 € e Antoine Djebate 78095 CFA, equivalenti a 120,15 €). Nel pomeriggio i rappresentanti di NeSAD ci hanno accompagnato a visionare i siti di due progetti di microliberalità: potenziamento di un allevamento di conigli preesistente della giovane Dott.ssa agronoma Liberal; incremento delle capacità produttive di un’azienda a conduzione familiare (TASNEEM)  che produce succhi di frutta. Si e tenuto anche l’incontro con il capo villaggio e la cooperativa di donne cui abbiamo destinato un aiuto nella forma della microliberalità  nel villaggio di Zinvie alla presenza dei rappresentanti di NevSAD. Va sottolineato l’impressione fortemente positiva di tutti i giovani coinvolti in questi progetti di piccolo sostegno e la grande efficienza e capacità di interlocuzione con noi dei giovani della NeVSAD.
  • Il 19 ottobre a cena da Valere Couthon abbiamo incontrato Jannot Goudjo, che ci ha riferito che sta utilizzando nel modo migliore il denaro che gli abbiamo concesso per allevamento di conigli.
  • Il 19 incontro con la cooperativa di donne di Krake-Daho, in presenza di Abraham Senou, e del segretario dello chef di Dipartimento. Le procedure di utilizzo dei 2000 euro concessi sono in corso. La somma e in parte destinata alla remunerazione dei tecnici competenti messi a disposizione dal Ministero.
  • Sabine. In una bellissima giornata da suor Sabine la stessa ci ha spiegato che il mercato di acquisto e vendita dei terreni ha subito un’improvvisa impennata per manovre speculative e che pertanto sarà necessario impegnare circa 9000 per l’acquisto di un terreno di 2 ettari, adiacente a quello di sua proprietà dove ci sono le capre. Della donazione Grimaldi restano in disponibilità euro 1000 ai quali vanno aggiunti 1300 circa della raccolta salvadanai con la medesima finalità. Con tale importo S. Sabine costruirebbe un piccolo caseificio a norma.
  • Sono state raccolte notizie molto confortanti relative ai pazienti operati in corso della precedente missione (in particolare il piccolo operato a Gbemontin per malattia di Hirschprung sta benissimo anche se e ricoverato per malaria). Altrettanto buone sono le notizie dei pazienti beninesi operati in Italia

Gallery

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *